Babel With Me: chat in 45 lingue


Ho appena chattato con un amico finlandese: io in italiano, lui in finnico. Come parlare italiano con uno che l’italiano lo conosce poco e dice strafalcioni del tipo “aspekkare” invece di “aspettare”. Però ci si capisce, e questo è l’importante. Fino ad oggi la lingua pass-par-tout è stata l’inglese, e pure lo spagnolo. Oggi, per una comunicazione via web, c’è BabelWithMe. Una piattaforma – probabilmente supportata da Google Translate – che permette di conversare via chat in 45 lingue.

BabelWithMe prende spunto sicuramente dalle molteplici piattaforme di traduzione che sono sul web. E il nome – come tutte queste – prende spunto da quella genialata di “Guida galattica per autostoppisti” di Douglas Adams dove un “babel fish” in bocca traduceva tutte le lingue.
Tuttavia la semplicità e le possibilità di utilizzo di BabelWithMe sono molto interessanti. Si va su BabelWithMe, si apre una conversazione, si sceglie la propria lingua e si invia la URL alla persona/persone con cui si vuole parlare. Un potenziale cliente oltreoceano, una conversazione di lavoro con partner internazionali, soluzione di problemi nel servizio ai clienti, assistenza ai colleghi di una filiale straniera, un amico con cui di solito si cerca di parlare inglese, etc.

Certo occorre migliorare il livello delle traduzioni e, come suggerisce Mashable, potrebbe esserci una URL personalizzata (per la propria conversazione) e sarebbe utile poter incorporare la chat in un blog, in un sito o un’email per poter sfruttare la conversazione in altri casi simili.
Per il momento, ci basta sapere che potenzialmente possiamo parlare in 45 lingue.

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)